Tecnicamente's Weblog

Just another WordPress.com weblog

Archivi Mensili: gennaio 2009

CAD per Linux? Si grazie!

Ricordo ancora con terrore, i primi anni in cui usavo linux, parlo del 1995.

Non esisteva nulla di simile a Office e i programmi CAD erano assolutamente un miraggio.

Senza parlare dei driver per i vari hawrdare, cheda video compresa.

Oggi la musica è cambiata, molti si sentono stranamente affezionati ad Autocad, e visto che non esiste la versione per Linux, rimangono su piattaforma Windows.

Ok tutti sono liberi di fare quello che credono essere meglio, ma se siete interessati  a Linux ed a Autocad, forse usando WINE riuscirete ad avere belle soddisfazioni, guardate il video

Oppure potete rivolgervi a soluzioni open-source o proprietarie che vegono fornite gratuitamente, quanche esempio?

Per cui non perdete la speranza, armatevi di google e cercate 🙂

1, nessuno, 1E5. Quanti SCILAB?

Provo a dare il mio contributo per fare chiarezza in questo “strano” momento di proliferazione di varianti SCILAB/SCICOS.

Scilab non ha bisogno di presentazioni, almeno spero :), ma per i pochi che ancora si chiedano cosa sia posso dire che è software/ambiente di sviluppo per calcolo scientifico, qualcosa tipo MATLAB.

E come MATLAB integra un bellissimo software dal nome SCICOS, che è del tutto paragonabile al SIMULINK che viene fornito con MATLAB.

Che cos’è SCICOS?

SCICOS è a sua volta un ambiente di simulazione, particolarmente adatto all’analisi dei segnali, ma versatile per qualsiasi altra applicazione che richeda la modellazione matematica di un sistema.

Chiunque si interessa di simulazioni, automazione o controllo troverà grande soddisfazione nell’utilizzo di SCICOS.

MATLAB/SIMULINK è una soluzione molto valida, ma è una soluzione commerciale e quindi con un certo prezzo che credo non sia alla portata di tutti i professionisti che potrebbero utilizzarlo.

In particolare per MATLAB esistono diversi software open-source che offrono ambienti è capacità più o meno simili.

Ma tra tutti questi solo SCILAB offre SCICOS, cioè un qualcosa di paragonabile a SIMULINK e cosa molto importante è che è gratuito.

A questo punto occore però fare un pò di chiarezza, in giro potete trovare:

  1. Scilab 5.x
  2. Scilab 4.x
  3. Scicoslab
  4. NSP

Tutti figli del progetto originale scilab,  ma per certi versi differenti.

Scilab 5.x

Figlio del progetto originale Scilab, molto orientato al miglioramento dell’interfaccia grafica basandosi su JAVA, e OpenGL.

Purtroppo il programma al momento soffre di alcune pecche di giuoventu’ specialmente per stabilità e velocità.

Attualmente SCICOS non è perfettamente integrato in SCILAB 5.x

SCILAB 4.x

Non è più sviluppato ed integra la penultima versione di SCICOS, è forse la versione piu’ famosa e scarica di SCILAB.

Di certo è la versione che ha fatto conoscere l’ambiente SCILAB e SCICOS a un parco utenti più ampio.

Prestazioni, velocità e stabilità sono accettabile ed è la versione che attualmente continuo ad usare.

SCICOSLAB

SCICOSLAB nasce da SCILAB 4.x, e come obbiettivo si pone l’utilizzo di una interfaccia grafica basata su GTK+ e lo sviluppo di SCICOS, infatti se siente interessati ad avere la versione più recente di SCICOS in questo momento siete obbligati a scaricare ed installare SCICOSLAB, sto cominciando ad usarlo e al momento ne sono molto soddisfatto.

NSP

Nsp nasce sempre dalle ceneri di SCILAB 4.x, e si propone una riscrittura in C delle parti più importanti del motore di calcolo.

Infatti in SCILAB 4.x queste parti sono scritti di diversi linguaggi come C, FORTRAN77 e lo stesso SCILAB.

Ovviamente la riscrittura di centinaia di routine comporta un miglioramento di velocità tale da renderlo veramente paragonabile a MATLAB.

NSP pero’ non integra SCICOS.

Spero di aver fatto un po’ di chiarezza, eccovi i link e felice download

www.scilab.org

www.scicos.org

www.scicoslab.org

http://cermics.enpc.fr/~jpc/nsp-tiddly/mine.html

VNSTAT… sempre a propsioto della connessione ad Internet usando Linux ed il cellulare

Nell’articolo precedente abbiamo visto come usare il nostro cellulare ed il nostro bel computer con installato LINUX per collegarci alla rete.

A questo punto mi sembra doveroso integrare il precedente articolo con una mini guida su un tool quasi indispensabile 🙂

Non so voi che tipo di opzione/abbonamento avente per la navigazione in rete, ma nel mio caso ho un contratto a traffico dati giornaliero.

Questo significa che oltre una certa soglia di traffico scambiato (in entrata ed uscita) pago con una tariffazione differente.

Capite bene quindi la necessità di avere un qualcosa che tenga traccia del traffico fatto.

Bene avete capito esattamente di cosa parlo, possiamo passare ai fatti.

Cominciamo quindi con installare vnstat:

$sudo apt-get install vnstat

Ed in ogni caso a visitarehttp://humdi.net/vnstat/

A questo punto occorre creare il database per l’interfaccia di rete, che nel caso del nostro cellualre UMTS è /dev/ppp0.

Da shell diamo un bel:

$sudo vnstat -u -i ppp0

a questo punto abbiamo creato un database per il nostro traffico dati.

Vnstat può essere interogato in modi diversi:

 	 -q,  --query		 Interroga il database con resoconto completo
	 -h,  --hours		 Mostra il traffico orario
	 -d,  --days		 Mostra il traffico giornaliero
	 -m,  --months		 Mostra il traffico mensile
	 -w,  --weeks            Mostra il traffico settimanale
	 -t,  --top10		 Mostra i top10
	 -s,  --short		 Mostra un output senza dettagli
	 -u,  --update		 Aggiorna il database
	 -i,  --iface		 Indica l'interfaccia (default: eth0)
	 -?,  --help		 help
	 -v,  --version		 Mostra la versione
	 -tr, --traffic		 calcola il traffico
	 -l,  --live		 Mostra il transfer rate in tempo reale

Io utilizzo solamente le opzioni  “-l” per capire quanto sta comunicando il sistema e di tanto in tanto do un bel vnstat -d -i ppp0 per capire quanto traffico mi rimane.

Connessione Internet con cellulare LG U8360 e Linux

Potersi connettere alla rete durante dei viaggi, mentre si è in un cantiere, mentre si lavora fuori ufficio è certamente molto comodo, ed oggi è veramente alla portata di tutti.

Gli ingredienti per fare ciò sono veramente pochi e di facile reperimento:

  • Sottoscrizione di una opzione/contratto con un fornitore di telefonia mobile
  • Telefono cellulare o scheda UMTS
  • Un notebook/netbook

A seguire una rapida descrizione di come ho fatto io usando

  • L’opzione della “TRE” per navigare in rete, con ricarica mensiel
  • Telefono LG U8360
  • Vecchio portatile con sistema operativo Ubuntu Linux

Quindi  cominciamo subito.

Aprite una shell e lanciate il comando:

Leggi il resto dell’articolo